Makgeolli, l’elisir dell’eterna giovinezza arriva dalla Corea

Makgeolli, l’elisir dell’eterna giovinezza arriva dalla Corea

MAKGEOLLI

Il Makgeolli è considerato il liquore coreano per eccellenza.

Dal colore bianco come il latte (il colore deriva da varie fibre dietetiche, amminoacidi e composti organici del riso), ha un sapore delicato, rinfrescante e al tempo stesso profondo.

Dalla gradazione alcolica bassa (circa 6 gradi) il Makgeolli è molto nutriente, in quanto racchiude al suo interno circa dieci tipi di amminoacidi fondamentali, vitamina B e acidi organici. Viene preparato con il riso ma esistono differenti varianti, può essere fatto con i fagioli neri, con il miglio, il mais, le patate americane, la frutta e altri ingredienti.

Essendo una bevanda a bassa gradazione alcolica è molto gettonata tra il pubblico femminile coreano, e può essere considerato un elisir di bellezza poiché contiene  un aminoacido come la lisina che aiuta a mantenere la compattezza della pelle e le vitamine B2 e B3 che la rendono più luminosa.

Le bevande alcoliche della Corea, chiamate Sul, hanno rivestito sempre un ruolo importante nella storia, nella cultura e nella tradizione del paese asiatico.

La loro preparazione avveniva tradizionalmente in casa e, questa usanza, è stata tramandata da generazione in generazione. I liquori coreani vengono realizzati facendo fermentare diversi tipi di cereali; durante il processo di fermentazione si formano delle componenti che li rendono particolarmente salutari per lorganismo. I liquori tradizionali si differenziano per sapore e aroma, e variano a seconda della stagione e della regione. Per esaltarne il sapore si può aggiungere frutta e petali di fiori.

In Corea, c’è l’abitudine di degustare il Makgeolli durante i giorni di pioggia in abbinamento alle frittelle fatte con il fagiolo mungo (bindaetteok) e quelle con il kimchi (Kimchijeon). Un connubio di sapori davvero perfetto.

L’accostamento del Makgeolli con forme di attività ricreative è stato uno dei fattori che hanno contribuito a renderlo popolare. Per molto tempo questo vino di riso è stato conosciuto come la bevanda scelta dai contadini e i lavoratori generici.

Il consumo di Makgeolli dava ai contadini al lavoro nei campi una sensazione di calore, fornendo loro anche una fonte di energia per la loro dura fatica. Questa bevanda poco alcolica lasciava la gente rinfrescata, ma con la mente limpida.

Di recente il Makgeolli è diventato popolare fra gli entusiasti del golf e dellescursionismo.

La Corea è conosciuta non solo per la tradizione culinaria ma anche per le bevande tipiche. Come in occidente, anche in Corea le bevande alcoliche accompagnano il pasto rendendo le pietanze più gustose. I liquori coreani possono essere abbinati benissimo ai piatti italiani e, allo stesso modo, il vino italiano può accompagnare i piatti coreani. Per questo motivo abbiamo sempre voluto presentare le nostre bevande alcoliche agli italiani” spiega Ine Park, responsabile food dellIstituto Culturale Coreano.

Si ringrazia per la gentile collaborazione  l’Istituto Culturale Coreano, Ine Park e il barman Taeyeol Kim per le nozioni sul Makgeolli.

Add a comment

*Please complete all fields correctly

Related Blogs

Posted by Francesco | 18 Aprile 2019
Quanto la tua dieta dipende dai tuoi pensieri? Dimagrire anche con il pensiero.
  I nostri pensieri possono condizionare le nostre abitudini alimentari e influenzare in maniera significativa la nostra dieta, in particolare il raggiungimento degli obiettivi condivisi e prefissati dal piano nutrizionale....
Posted by Francesco | 15 Aprile 2019
Ruolo del microbiota intestinale nella patogenesi della malattia infiammatoria intestinale: cosa abbiamo imparato negli ultimi 10 anni?
La malattia infiammatoria intestinale (IBD) comprende due condizioni distinte: la colite ulcerosa (UC) e la malattia di Crohn (CD) che sono caratterizzate da un'infiammazione cronica recidivante dell'intestino in individui geneticamente...
Posted by Francesco | 10 Aprile 2019
Collagene proprietà e benefici
Potremmo affermare che il “collagene” è il miglior amico dell’uomo…e direi anche della donna, che ben conosce le proprietà che aiutano pelle, capelli, unghie e ossa. Ma conosciamolo meglio con...