Il segreto per non ingrassare più dopo le diete yo-yo

Il segreto per non ingrassare più dopo le diete yo-yo

diete yo-yo

L’università di Copenaghen regala alle donne qualcosa di assolutamente inestimabile che tutte vorrebbero possedere: il segreto per non ingrassare più dopo le diete yo-yo!

Si segue una dieta più o meno drastica per un periodo, magari prima dell’estate, per poi concedersi una silhouette invidiabile in costume oppure anche solo per sentirsi meglio… tanti sacrifici e poi dopo un po’ di aperitivi e qualche concessione di troppo, siamo di nuovo al punto di partenza.

Tutto questo al nostro corpo non fa bene. Come riuscire a trovare la soluzione e non riprendere più peso?

Dopo studi sulle diete yo-yo i ricercatori danesi sono giunti a conclusione che, per evitare questo effetto di dimagrimento e successivamente la ripresa del peso, terminata la dieta bisognerebbe seguire un corretto regime alimentare per almeno 12 mesi. Questo è il tempo necessario con cui il corpo si abitua al cambiamento per stabilizzare il senso di fame, così da non recuperare più i chili persi. Il segreto sta nel regolarizzare la grelina, l’ormone che stimola il senso di fame. Da qui la spiegazione perché la dieta di mantenimento può essere seguita per un periodo di tempo illimitato, poiché si tratta di una vera e propria “educazione alimentare”.

Cosa succede al nostro corpo durante le diete fortemente restrittive

Quando siamo a dieta il nostro corpo brucia più grasso per fornire maggiore energia all’organismo.  Quando si inizia a mangiare in quantità maggiori rispetto al regime alimentare fortemente restrittivo, questo processo si inverte, facendo sì che il corpo ricominci ad accumulare il grasso introdotto tramite l’alimentazione, per creare nuove riserve. Se poi questo meccanismo si ripete più volte, come avviene nel caso delle diete yo-yo, l’organismo decide di accumulare grasso in previsione delle future restrizioni.

Questo meccanismo ha origine dalla notte dei tempi, quando nella preistoria, in cui l’uomo non riusciva a procacciare il cibo giornalmente, abituava il suo fisico a periodi di “dieta forzata”. Questo meccanismo rappresentava un’importante risorsa per i nostri antenati ma nelle società contemporanee, dove regna l’abbondanza alimentare (e non solo) diventa un ostacolo per la salute.

Cosa da non sottovalutare di queste diete yo-yo è il cambiamento della percentuale tra grasso e muscolo: diminuisce la massa magra e aumenta quella grassa.

Dopo diversi periodi di dieta yo-yo le riserve di grasso saranno costituite da un quantitativo maggiore di grassi saturi che sono i più lenti a essere mobilizzati e quindi i più difficili da eliminare (aggrappati di solito ad addome, glutei e cosce).

Per quanto riguarda il muscolo, la sindrome da yo-yo comporta la sostituzione di fibre rosse in fibre bianche: le prime hanno un’alta capacità di utilizzare i grassi a scopo energetico, le seconde usano preferenzialmente gli zuccheri.

Cosa fare per non riprendere peso 

Evitare diete “fai da te”: spesso si ricorre a diete consigliate, trovate sui giornali o suggerite dai “fanatici dei social”. Ognuno ha un proprio fisico, un proprio metabolismo che va monitorato e seguito da un professionista.

Evitare diete drasticamente ipocaloriche: abbassare le calorie in modo assoluto, nella maggior parte dei casi influirà sulla massa magra e non su quella grassa quindi le calorie andranno controllate in base al proprio fisico, soprattutto se si effettua attività fisica.

Fare attività fisica: oltre che accelerare il metabolismo e quindi anche rendere più efficace il vostro regime di dieta, aiuterà a mantenere la massa magra, necessaria e indispensabile.

Evitare diete a basso contenuto di grassi: un regime di zero grassi fa sì che il fisico si posizioni in regime di carestia e non farà altro che rallentare il metabolismo e quindi avere l’effetto contrario a quello da voi sperato. Consigliati i cibi ricchi di grassi insaturi come olio extravergine d’oliva usato a crudo, frutta secca, avocado, pesce fresco di piccola taglia ma anche i cibi ricchi di grassi saturi, tanto demonizzati ma utili al  nostro corpo come burro chiarificato e  burro di cocco.

Effetto yo-yo e Microbiota

Il nostro microbiota, la popolazione costituita da miliardi di batteri che abitano nel nostro intestino, può giocare un ruolo importante nella ripresa dei chili persi durante una dieta drastica. Dal tipo di batteri che sono presenti nell’intestino dipende la quantità di energia che può essere estratta dalla dieta. I batteri intestinali, inoltre hanno una “memoria” del peso passato, che altera il metabolismo fino a farci riprendere il peso perso. Lo sostiene uno studio pubblicato su Nature e condotto, per il momento, soltanto sui topi.  Per questo motivo è importante avere un intestino sano, in una condizione di eubiosi, per mantenere il peso forma nel medio lungo periodo.

 

Add a comment

*Please complete all fields correctly

Related Blogs

Posted by Francesco | 18 Aprile 2019
Quanto la tua dieta dipende dai tuoi pensieri? Dimagrire anche con il pensiero.
  I nostri pensieri possono condizionare le nostre abitudini alimentari e influenzare in maniera significativa la nostra dieta, in particolare il raggiungimento degli obiettivi condivisi e prefissati dal piano nutrizionale....
Posted by Francesco | 15 Aprile 2019
Ruolo del microbiota intestinale nella patogenesi della malattia infiammatoria intestinale: cosa abbiamo imparato negli ultimi 10 anni?
La malattia infiammatoria intestinale (IBD) comprende due condizioni distinte: la colite ulcerosa (UC) e la malattia di Crohn (CD) che sono caratterizzate da un'infiammazione cronica recidivante dell'intestino in individui geneticamente...
Posted by Francesco | 10 Aprile 2019
Collagene proprietà e benefici
Potremmo affermare che il “collagene” è il miglior amico dell’uomo…e direi anche della donna, che ben conosce le proprietà che aiutano pelle, capelli, unghie e ossa. Ma conosciamolo meglio con...